Aumento di capitale, finanziamento soci e postergazione

L’aumento di capitale eseguito dal socio mediante compensazione di un proprio credito verso la partecipata non è contrario all'interesse della società o dei terzi, ed è ammissibile anche in mancanza di un’espressa disposizione della deliberazione di aumento. È, tuttavia, escluso qualora l’ assemblea dei soci stabilisca esplicitamente la liberazione dell'aumento del capitale mediante versamento in denaro. Il principio della compensabilità tra il credito derivante dalla mancata restituzione del finanziamento e il debito da sottoscrizione dell’aumento di capitale...

Michele Bana

Guida alla Contabilità e Bilancio

Contabilità, Reddito d'impresa, Bilancio: Guida alla Contabilità e Bilancio è il mensile più consultato dai professionisti per gli approfondimenti in materia.

Sei un nuovo cliente?

Scopri subito le offerte a te riservate

Acquista

Sei già in possesso di username e password?

loader